Visitare Acqui Terme

La città di Acqui Terme, fondata dai Liguri Statielli, fu centro molto attivo soprattutto sotto i romani, come ci testimoniano i resti delle antiche costruzioni di età repubblicana e imperiale. In periodo romano erano già note le proprietà curative delle aquae calidae delle Antiche Terme, che sono tra le più antiche dell’Italia settentrionale. Alle Antiche Terme sgorgano oltre 40 sorgenti di acqua calda, curioso è il simbolo della città: la Bollente, una fontana ottagonale costruita nel 1870 da cui fuoriesce acqua sulfurea a 75°C.
Il duomo di Acqui conserva gran parte della sua antica struttura romanica,
anche se nel tempo è stato più volte modificato. Ha una pianta a croce latina a tre navate con cappelle laterali e una cripta. Il portale, in marmo scolpito, è del 1481, vi sono rappresentate l’Assunta e gli angeli, figure di animali e vegetali e i Padri della Chiesa. Sugli stipiti vi sono S.Maggiorino, primo vescovo che la città ricordi, e S.Guido (1034-1070) che consacrò il Duomo.
L'interno, ricco di decorazioni, conserva in particolare il Trittico della Madonna del Montserrat esposto nella sala dei Canonici, che fu commissionato da un ricco mercante acquese nel 1480 circa. Eseguito da Bartolomeo Bermejo, rappresenta la Vergine col bambino, sullo sfondo forse il santuario del Montserrat. Lateralmente vi sono rappresentati S. Sebastiano e S. Francesco, la nascita della Vergine e la Purificazione.
La chiesa di San Francesco ha origini quattrocentesche, al suo interno si trovano nella navata centrale a volta a botte affreschi di Ivaldi il Muto. Da ammirare sono i quadri secenteschi che rappresentano: la Madonna con bambino tra S.Antonio e S.Francesco dipinta da Pietro Beccaria, l'Immacolata Concezione di Caccia Moncalvo e l'Adorazione dei Magi realizzata da Raffael Angelo Soleri.
La chiesa dell'Addolorata è edificata sull'antica basilica latina di S.Pietro fondata nel VII secolo dal re longobardo Ariberto. All'interno si trovano affreschi, tele e una pregevole statua lignea della Madonna Addolorata.
Ad Acqui Terme si conserva una parte dell'acquedotto romano, edificato probabilmente nel II sec. d.C., ancora oggi in parte visibile.
Il castello di Acqui ha origni mlto antiche, probabilmente di periodo tardo romano, distrutto dagli Unni e riedificato nel medioevo. Il parco del castello oggi ospita il giardino botanico creato nel 1996.
Da visitare è, inoltre, il Museo civico Archeologico che si trova all'interno delle stanze del castello. Vi si possono ammirare reperti archeologici che ricostruiscono la storia del luogo, a partire dal periodo preistorico fino ad arrivare al medioevo. Ricca è la raccolta di steli funerarie ritrovate nella necropoli urbana, e la raccolta di ritrovamenti effettuati nelle terme.
A segnare la fortuna di Acqui comunque sono state le sue acque termali, si tratta di acque salso-bromo-iodica che, legate alle caratteristiche del fango, sono ricche di proprietà terapeutiche indicate soprattutto per la cura delle malattie reumatiche, respiratorie, articolari e medico-esteti-che per il corpo ed il viso.

Acqui Terme sigla provincia AL, regione Piemonte.




Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla località
Invia le tue foto