Visitare Castell'Arquato

Il territorio di Castell'Arquato in origine era abitato da popolazioni liguri, sotto il dominio romano fu trasformato in territorio fortificato. Il borgo conserva ancora intatta la sua atmosfera medievale, quasi fuori dal tempo; risalgono a questo periodo i monumenti pi¨ importanti e la struttura urbanistica che si articola intorno ai quartieri di Borghetto, Monteguzzo, ed il centro monumentale.
La Collegiata di Santa Maria Assunta probabilmente venne costruita intorno al 758 ma venne poi ricostruita nel 1122. L'interno si presenta a tre navate coperte da capriate e separate da colonne in pietra arenaria. La Cappella dedicata a S.Caterina d'Alessandria risale ai primi del 1400, i dipinti che si trovano al suo interno sono di scuola toscana, anche se l'autore ci è ignoto e rappresentano: alle pareti laterali, un ciclo della Passione di Gesù, al centro le esequie della Vergine e la sua Gloria. La cappella di S.Giuseppe risalente al 1630 è dedicata al santo patrono del Borgo, ed è edificata sull'area di una cappella più antica. Il suo stile è prettamente barocco, ricca di stucchi e dipinti, i quadri laterali sono opera di Giacomo Guidotti e rappresentano La Collegiatalo Sposalizio di Maria e la nascita del Bambin Gesù, la pala dell'Altare, che rappresenta la Sacra famiglia, risale al 1720.
Il chiostro della colleggiata fu costruito fra il XIII e il XVI secolo, mentre la torre campanaria è datata al XIII secolo.
Il palazzo del Duca fu edificato da Alberto Scoto nel 1292 come ci indica un'iscrizione posta nella fontana del Montaguzzo, a livello delle fondamenta. Fu rifatto più volte nelle epoche successive come testimoniano le finestre tipicamente quattrocentesche. Dal palazzo partiva un cunicolo che lo metteva in comunicazione con il vicino Torrione. Anche il palazzo del Podestà fu costruito nel 1293 da Alberto Scoto. L'edificio si presenta a tre piani sormontato da una merlatura con annessa una torre pentagonale con due grandi orologi, uno dei quali risalente al 1630 e dipinto da Giacomo Guidotti. Verso il 1400 il palazzo fu ampliato con la costruzione della loggia dei notari e una seconda ala Palazzo del Podestàverso la piazza. All'interno da vedere è sala consiliare con belle decorazioni e soffitto a cassettoni.
Conserva intatto il carattere tipico delle costruzioni militari cinquecentesche il Torrione Farnese. Caratterizzato da una pianta quadrata con quattro baluardi agli angoli, è alto circa 20 metri. All'interno dei tre baluardi vi sono tre locali ottagonali, nel quarto una scala a chiocciola, nel corpo centrale vi è un salone coperto da una volta ed è comunicante con locali ottagonali posti nei baluardi. Di questa costruzione ci è tutt'ora ignoto l'architetto e la data di edificazione, ma si ipotizza che la sua costruzione fu iniziata da Bosio II Conte di S.Fiora nel 1527-1535 e terminata da Sforza tra il 1545 e il 1575.
La Rocca viscontea fu edificata nel 1342 sul luogo di un fortilizio già esistente in epoca passata per volere del comune di Piacenza.
Successivamente Luchino Visconti fece innalzare l'alta torre che tutt'oggi domina il paese e la val d'Arda, per far questo acquistò una serie di beni intorno alla rocca e li fece radere al suolo. La Rocca comprende due corpi di fabbrica collegati tra loro, vi si accedeva, un tempo, mediante un ponte levatoio; all'interno i locali sono in comunicazione tra di loro mediante delle scale in legno e in muratura. Dalla sommità della rocca si gode un bellissimo panorama sulla pianura Padana.
Dalla piazza Matteotti si puo raggiungere l'antico Ospedale Santo Spirito costruito nel XVI secolo, oggi sede del Museo Geologico G. Cortesi

come arrivare
Da Piacenza, da Parma e Bologna si percorre la via Emilia fino a Fiorenzuola d'Arda, quindi prendere la provinciale che arriva direttamente a Castell'Arquato.
Dall'autostrada A1 si consiglia l'uscita di Fiorenzuola d'Arda, mentre da Cremona si può prendere la statale 462 arrivare a Fiorenzuola e da lì prendere la provinciale.
E' possibile giungere a Fiorenzuola anche dall'autostrada A21.
Se si arriva dalla Liguria si può prendere la Via Emilia giungendo dalla statale 62, oppure dalla autostrada, uscendo al casello di Parma Ovest.
In treno: le stazioni più vicine sono quelle di Fiorenzuola, Fidenza e Piacenza.

Castell'Arquato sigla provincia PC, regione Emilia Romagna.




Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla localitÓ
Invia le tue foto