Visitare Cercemaggiore

Riposante località tra i monti del Matese nel cuore dell'antico Sannio, Cercemaggiore gode di un vastissimo panorama che spazia sull'ampia pianura di Sepino dai monti della Maiella al Matese che, in certe limpide giornate, si ha la sensazione di poter toccare con mano. Meta privilegiata di villeggianti ed escursionisti, di amanti del trekking e delle passeggiate a cavallo per gli antichi tratturi del Sannio, Cercemaggiore offre, anche ai turisti pi? esigenti, proposte piacevoli, relative anche all'aspetto folcloristico e gastronomico: in diverse botteghe è possibile gustare la genuina cucina locale.   
Situata a 950 m. sul livello del mare gran parte dei circa 4800 abitanti di Cercemaggiore abita le contrade sparse nella vasta campagna cercese. Il suo territorio, prevalentemente agricolo, si arrampica su degradanti pendii coperti da secolari boschi di querce ed attraversati da solitari sentieri dove frequentemente si incontrano esemplari di flora e di fauna tipicamente mediterranei, altrove in via di estinzione.
Non ci sono notizie certe sulla nascita di Cercemaggiore il cui territorio fu sicuramente abitato fin dalla preistoria e successivamente dai Sanniti: parte di una poderosa fortificazione del periodo sannitico del V-IV secolo a.C. è ancora visibile sul monte Saraceno.   
Successivamente Cercemaggiore, contrastò coraggiosamente l'invasione dei romani. Scarse sono le notizie sui primi secoli del Medioevo. Nell'864 i Saraceni portarono all'abitato morte e distruzione. Il Medioevo vi ha lasciato ampie tracce: la massiccia torre, uno spaccato di abitato. Alle pendici del monte Saraceno sono visibili le cosiddette Grotte delle Fate. La storia di Cercemaggiore si salda con la venuta dei Domenicani nel 1489, quando il papa Innocenzo III affidò loro la cappella di S. Maria della Libera accanto alla quale costruirono il convento S. Maria della Libera.
Di notevole interesse artistico sono:
- la Chiesa Madre
- il castello medievale
- la Chiesa ed il Convento di S. Maria della Libera
Di notevole interesse ambientalistico Cercemaggiore offre un paesaggio integro e sano, dominato dalla maestosità dei panorami montani ed arricchito dalla copiosità e limpidezza delle acque sorgive sgorganti dalle tante fontane rurali.
Fra gli eventi si ricordano  quelli del periodo estivo è caratterizzato da numerose feste patronali in commemorazione dei vari santi con le conseguenti feste folcloristiche. Quelle più importanti riguardano il periodo che va dal 1 luglio al 3 luglio, in cui si celebra la festa di S. Maria della Libera e Cercemaggiore viene "invasa" da pellegrini provenienti dal beneventano, casertano, dalla Puglia e dal Molise. La statua della Madonna viene rivestita degli ori, ex voto dei fedeli.

Cercemaggiore sigla provincia CB, regione Molise.




Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla località
Invia le tue foto