Visitare Mirabella Eclano

Poggiata su una ridente collina della media valle del Sabato, tra la valle del Calore e la valle dell'Ufita, Mirabella Eclano domina un panorama di una bellezza notevole tra il verde della zone più alte e le campagne coltivate.
Abitato fin dalla preistoria, il primitivo insediamento di Aeclanum, si sviluppò nel V secolo a.C. e, più tardi la città fu attraversata dalla Via Appia che fu fatta passare per il foro cittadino. Nell'87 a.C. divenne Municipium. Augusto assegnò Aeclanum alla Regio Apulia et Calabria ed un massiccio popolamento della zona si ebbe sotto l'impero di Adriano, quando la citt?, attorno al 120 d.C., divenne il nodo più importante di una complessa rete viaria che collegava la Campania con la costa adriatica. Il centro romano con il nome di casale Quintodecimo scomparve con l'arrivo dei Normanni: i superstiti si trasferirono nell'area occupata dall'attuale centro urbano, dove si formò Aquaputida. Verso il 1340 il borgo cambò? nome, prendendo quello di Mirabella,
La sua economia è prevalentemente agricola ed offre sul mercato prodotti ortofrutticoli, cereali e uva di ottima qualità.
Mirabella Eclano conserva rilevanti testimonianze storiche, di epoca romana, la Chiesa Collegiata di Santa Maria Maggiore ed il vero tesoro è il Rotolo di Quintodecimo, prezioso Extulet in scrittura beneventana con miniature policrome del X secolo e notazioni musicali.
Terra di tradizioni a settembre si svolge a Mirabella da oltre un secolo la tirata del Carro.

Mirabella Eclano sigla provincia AV, regione Campania.




Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla località
Invia le tue foto