Visitare Roccamonfina

Roccamonfina è situata sulla conca dell'omonimo vulcano. Secondo una leggenda fu fondata nel 250 d.C. dall’imperatore romano Decio, giunto in questi territori per inseguire la sua amata Fina, in onore della quale avrebbe fatto costruire una Rocca, chiamata la “Rocca della Mia Fina” da cui Roccamonfina.
Il centro storico ha un'impianto medievale, il sito archeologico più interessante di Roccamonfina è il Recinto megalitico di monte Frascara, chiamato, nel medioevo, Orto della Regina. Esso comprende un’area di circa 2500 metri quadri con muri che raggiungono uno spessore di 2 metri ed un’altezza di 5 metri. La destinazione della cotruzione è ancora avvolta nel mistero: c'è chi ipotizza che sia stata una fortificazione, chi ipotizza che si tratti di un luogo di culto, l'unica certezza emersa dopo attenti studi è che si tratta di mura di origine sannitica, databili intorno a VI-V secolo a.C.
Circondato da folti castagneti, a poca distanza dal paese si trova il Santuario ed il Convento di Maria SS. dei Lattani, uno dei più belli e suggestivi della zona. La leggenda vuole che una statua della Madonna sia stata scoperta all’interno di una grotta da un pastore tra il 1429 e il 1430 d.c. attirando schiere di pellegrini tanto da indurre San Bernardino da Siena e San Giacomo della Marca a far costruire un tempio per ospitare la statua. Si costruì così una cappella, che in seguito venne ampliata ed inglobata in una chiesa romanica, anche questa diventata, in seguito, parte della chiesa in stile gotico. La facciata della chiesa è preceduta da una grande scalinata e da un pronao in stile gotico. L'interno è ad una sola navata con volte a crociera, da ammirare sono i dipinti sulle volte e sulle pareti eseguiti, tra il 1630 e il 1637, da Padre Tommaso di Nola.
Il Chiostro rettangolare, risalente al 600, è circondato da colonne di forma diversa. Il cortile comprende la fontana della Madonna, a destra vi è un balcone dal quale si gode un bel panorama del territorio circostante, sulla sinistra si accede al famoso Romitaggio di San Bernardino costruito probabilmente prima dell'antica cappella. Sul lato sinistro della chiesa si trova l’accesso alla grotta dove fu ritrovata la statua della Madonna.

Roccamonfina sigla provincia CE, regione Campania.




Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla località
Invia le tue foto