Visitare Spotorno

Spotorno era in passato un piccolo paese dedito all'attività della pesca e alla costruzione di imbarcazioni, solamente in epoca recente è divenuto Spotorno meta di turisti attratti dalle bellezze paesaggistiche e dal mare. Ancora oggi Spotorno, però continua a mantenere le caratteristiche tipiche di un borgo marinaro con piccole viuzze quasi a formare un labirinto, dove di tanto in tanto si ammirano palazzotti con loggette finemente decorate da colonne e bifore, inoltre si possono osservare dipinte sulle facciate delle case caratteristiche meridiane.
La chiesa della Santissima Annunziata edificata in stile barocco su un preesistente luogo di culto, è a navata unica con cinque cappelle laterali al suo interno sono conservate alcune opere interessanti, del periodo barocco sono: la Madonna con il Bambino e i SS Pietro e Paolo di De Ferrari, Madonna con il Bambino tra i Ss Antonio da Padova e Francesco di Domenico Piola del 1667, Madonna con il Bambino, S.Pietro, S.Bernardo e devoti, Madonna e i Ss Giuseppe, Erasmo, Chiara e le anima purganti di G.B. Merano. Sul primo altare a sinistra vi è L’incredulità di S.Tommaso, nelle cappelle successive Battesimo di Cristo alla presenza di Santa Lucia attribuito a Bernardo Castello, l'Immacolata Concezione di Giovan Lorenzo Bertolotto, la statua della Madonna di Misericordia del 1685 e l'Apparizione del Bambino Gesù a S.Filippo Neri di Giovanni Andrea Carlone del 1687.
L’altare maggiore fu donato dai pescatori liguri, il coro ligneo del XVII secolo; vi è poi l’altare del SS Crocifisso in marmi policromi, con un insieme che integra la tela di Domenico Parodi e il Crocifisso di A.M. Maragliano creando una scena unitaria.
Nella parrocchia sono custoditi inoltre splendidi tessuti del XVII-XVIII secolo, vari argenti e reliquiari in legno dorato, inoltre in Sacrestia, i tabernacoli del ‘700.
All'esterno della chiesa si possono osservare tracce degli affreschi originali del XV secolo rappresentanti Gesù Risorto e l'Annunciazione.
SpotornoL’Oratorio della SS. Annunziata di Spotorno fu edificato intorno alla metà del 1600, al suo interno sono conservate opere della scuola ligure tra le quali le tele Annunciazione e Crocifissione, Matrimonio della Vergine di Giulio Benso del 1659, Adorazione dei pastori del 1664 e Ascensione della Vergine del 1669 del Piola, Natività della Verginedel Merano e sculture in legno policromo.
In cima al parco Monticello sorge l’Oratorio di S. Caterina che conserva al suo interno alcune tele e opere di ebanisteria di pregevole fattura.
Più su, sulle montagne, si trova il castello medievale, oggi in rovina, che fu edificato per proteggere il borgo dalle invasioni e dalle guerre, oggi ci restano le mura perimetrali e le postazioni di guardia.
Sempre a scopo difensivo furono costruite, intorno al cinquecento, anche una serie di torrette di avvistamento di cui ancora oggi possiamo osservare le rovine sulle colline intorno al paese, in particolare a levante quella di S.Antonio, a ponente quella di Coreallo.

Per arrivare: con l’autostrada (uscita Spotormo), con i servizi pullman e autobus, con il treno, dagli aeroporti di Genova, Villanova d’Albenga e Nizza oppure dal porto traghetti di Vado Ligure.

Spotorno sigla provincia SV, regione Liguria.




Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla località
Invia le tue foto