• CapreraL'isola di Caprera

caprera

Tipo di itinerario: Mare

Caprera è una delle isole che compongono l’arcipelago della Maddalena. Essa è collegata alla Sardegna da un ponte, denominato il passo della Moneta. Si tratta di un ponte-diga, che, però, non ha affatto alterato lo spettacolare paesaggio naturalistico dell’isola; difatti, Caprera, proprio per le sue oasi ecologiche è stata dichiarata Riserva naturale, dove vige un rigoroso divieto di edificabilità, per questo motivo è prevalentemente disabitata.
Il paesaggio di Caprera è una forte attrazione turistica; ci sono, infatti, il Monte Teialone e Poggio Stefano, dalle cui cime si gode di una suggestiva panoramica dell'arcipelago. Assolutamente da non perdere c’è la Cala Coticcio, la Messa del Cervo, sita a nord, dove lo scenario diventa più selvaggio, la Cala Brigantina, a sud-est, la Cala Garibaldi, la Cala Napoletana e la Cala Caprarese.
Il nome di ogni località è legato ad una leggenda di antichi naufragi oppure di battaglie navali, che hanno lasciato, come testimonianza di sé, sui fondali dell'arcipelago, relitti di epoche varie.
La fama dell’isola di Caprera è legata anche ad un grande personaggio della storia. Infatti, nel 1855, Garibaldi, dopo averne acquistato una parte, vi trascorse la fine della sua vita, in una casetta che, oggi, è diventata una sorta di museo, il “Compendio Garibaldino”. Lì vi sono raccolti tutti i suoi oggetti personali e l’arredamento originario; vi è, ad esempio, la carrozzella ortopedica, donatagli dalla Regina Margherita di Savoia, le sciabole di guerra, le bandiere, le medaglie. Accanto alla casa, attraverso un breve sentiero si arriva alle tombe della famiglia Garibaldi e alle barche usate per i suoi spostamenti durante la sua permanenza a Caprera.