Visitare Lipari

Lipari è l'isola maggiore dell'arcipelago delle Eolie.
Le sue origini sono vulcaniche,infatti l'aspetto attuale è il risultato di numerose eruzioni sovrappostesi nel tempo a partire da 160 mila e 1340 mila anni fa verificatesi anche in epoca storica ricoprendo le rovine romane, del IV e V secolo d. C., di contrada Diana e dell' Acropoli di Lipari.
Ancora oggi a testimonianza dell'attività vulcanica sono presenti innocue fumarole e benefiche sorgenti termali.
Lipari, anticamente chiamata Meligunis, fu abitata fin dal periodo neolitico da genti provenienti dalla Sicilia che diedero vita alla cosiddetta civiltà stentinelliana commerciando l' ossidiana in tutto il Mediterraneo.
Nel XIII seclo a.C. arrivarono a Lipari gli ausonii, guidati, come dice la leggenda, da re Liparo a cui seguì il re Eolo, dispensatore dei venti. Anche questa civiltà finì con l'arrivo dei fenici e degli etruschi nel VIII secolo, fino a che nel 580 a.C. sbarcarono a Lipari colonizzatori greci che vi fondarono la loro colonia.
Punto centrale del centro storico di Lipari è l'acropoli che viene chiamata il Castello. All'interno delle sue mura, passando per la porta più antica e successivamente attraverso una torre normanna, si trovano che chiese di S.Caterina, dell'Addolorata e la chiesa dell'Immacolata. Ancora oltre vi è la Cattedrale dedicata a San Bartolomeo protettore delle Eolie. Fu edificata per volere del re normanno Ruggero I, ma la cotruzione normanna fu data alle fiamme, venne ricostruita nel 1200 ed è stata, nel corso del tempo, più volte rimaneggiata. Le uniche parti dell'antica costruzione che ci sono rimaste sono una serie di capitelli situati nel chiostro raffiguranti motivi zoomorfi e fitomorfi. L'interno, a tre navate, è affrescato con scene del vecchio testamento, tra le opere qui conservate notevoli sono il dipinto che rappresenta S. Caterina d'Alessandria, una tavola che rappresenta a Madonna del Rosario e, sull'altare, la statua di San Bartolomeo in argento risalente al 1728. Interessante da visitare è il museo che ospita i reperti archeologici trovati in zona del periodo neolitico, dell'età del bronzo fino ad arrivare all'epoca greco-romana.
Da visitare, ancora, è il parco archeologico nal quale si trovano molti sarcofagi ritrovati nella necropoli di Contrada Diana che risalgono al IV-II sec. a.C..

Lipari sigla provincia ME, regione Sicilia.

La località fa parte dell'itinerario --> Le isole Eolie



Partecipa anche tu alla guida: SCRIVI UNA RECENSIONE sulla località
Invia le tue foto